Siamo Vicini alla Pasqua e come da tradizione anche a Milano le vetrine dei bar, delle pasticcerie e delle dolciarie sono decorate e colorate con numerosissime uova di cioccolato di ogni tipo. Ma da dove nasce la tradizione? Da Quanto tempo ci si scambia le uova di cioccolato o da quanto sono diventate simbolo della Pasqua?

Circa 5000 anni fa c’era già lo scambio delle uova, ma erano uova vere, di gallina. Lo si faceva nel periodo primaverile, con molta attinenza rispetto alla Pasqua di oggi.

In quel periodo storico anche i Persiani erano dediti al regalo di uova, come benvenuto alla Primavera. I Romani invece seppellivano un uovo come rito propiziatorio.

Del periodo Medievale diverse testimonianze storiche narrano di scambio di uova tra innamorati, come regalo, o trofeo per giochi o palii. Nell’Est dell Europa l’usanza era di decorare di rosso le uova sode. Edoardo I di Inghilterra acquisto 450 uova rivestite a foglia d’oro da regalare nel periodo pasquale.

Il primo a decorare le Uova con pietre preziose, oro, platino, e con un gioiello al suo interno fu l’Orafo alla corte dei Romanov Carl Fabergé.

Della Nascita dell’uovo di cioccolato si dice che sia stato Luigi XIV a farle realizzare per primo, all’inizio del 700. Lui infatti permise al primo maitre chocolatier di Parigi a vendere cioccolato.

Altra corrente di pensiero attribuisce all’arrivo della cioccolata dall’America e conseguentemente la nascita dell’uovo di cioccolato sia arrivata dalle Americhe.

Nei primi dell’800 le uova di cioccolato erano già in Germania, anche se non vuote ma piene.

I primi a produrre il cioccolato solido iniziarono in Inghilterra, dopo la metà del 1600. Francois Luis Cailler fondò in Svizzera il primo stabilimento per la produzione di cioccolato, introducendo un macchinario che permetteva la lavorazione in pasta manipolabile. Le prime tavolette furono proprio quelle di Cailler.

In Olanda invece attraverso una particolare lavorazione permise la separazione dalla polvere di cacao del burro, usando una prssa idraulica; perfezionò il trattamento della massa di Cacao, con l’aggiunta di Sale Alcalino, attraverso il procedimento denominato Dutching. Il risultato divenne una risolrsa utilissima per i produttori di cioccolato, che con la nuova consistenza assunta riuscirono a dare forme particolari alla cioccolata. Fino ad arrivare alle Uova.

Daniel Peter invece è da considerarsi come l’inventore vero e proprio del cioccolato al latte. All’epoca era difficile l’unione tra latte e cioccolato, che avrebbe rafforzato e dato particolare gusto al Cacao. La composizione liquida del latte creava questa difficoltà. L’uso del latte condensato invece e la farina di latte, prodotta da Henry Nestlé superarono questa barriera e la produzione allora pianificata è ancora oggi valida.

Rudolphe Lindt invece inventò il conciaggio, il procedimento che rende il cioccolato morbido al palato, consacrando la tradizione del cioccolato svizzero.

Dal 1875 in poi invece è dato l’inizio della produzione in serie delle uova di cioccolato.

Con la tradizione Pasquale siamo sempre tutti pronti a consumare le Uova di Cioccolato, e la pasticceria San Carlo rinnova questa tradizione con una lavorazione artigianale della cioccolata e del simbolo della festività.